Cecilia Cella

Cecilia Cella ha iniziato il suo percorso di studi come infermiera, professione che ha svolto a partire dal 2011 come freelance. Appena dopo la laurea ha conseguito il Master di I livello in Modelli e metodi della tutorship, comprendendo fin dall’inizio che l’aspetto del suo lavoro che più la appassionava era quello legato all’insegnamento e alla relazione. Ha dedicato infatti la sua tesi alla relazione d’aiuto, indirizzo che ha proseguito con un percorso di studi non universitario.

Grazie a una collaborazione con l’Organizzazione di cooperazione internazionale “A Proposito Di Altri Mondi Onlus” di Torino, che l’ha portata a scoprire l’Africa (e in particolare la Repubblica Democratica del Congo, in cui ha soggiornato per diversi mesi seguendo un progetto formativo rivolto alle ostetriche e ai professionisti sanitari di alcune strutture nella periferia di Kinshasa), ha compreso ancora meglio che l’aspetto di relazione e di facilitazione era la sua strada.

Nel 2014 ha iniziato il percorso di studi di Psicosintesi, presso l’Associazione “Il Filo d’Oro” con sede ad Avigliana, prima con la scuola per Facilitatori della Relazione d’Aiuto e poi con l’Accademia di Psicosintesi, diventando a tutti gli effetti una facilitatrice ad indirizzo psicosintetico, iscritta al registro italiano dei facilitatori CIFA dal 2015.

Dal 2017 al 2019 ha frequentato l’Accademia di Psicosintesi Transpersonale per approfondire ulteriormente il percorso, arricchendolo di esperienza e significato, lavorando prima di tutto su se stessa e sulla propria crescita personale ma anche come formazione professionale, per accompagnare le persone che scelgono di affrontare un percorso di consapevolezza nella scoperta delle proprie qualità interiori.
Durante gli ultimi anni ha potuto fare diverse esperienze sia in percorsi individuali di facilitazione che come formatrice in percorsi e conferenze di psicosintesi anche universitari.

Dal 2019 collabora con il CSB Torino dove ha trovato un’equipe di lavoro in cui il percorso di psicosintesi si integra in una proposta di diversi approcci complementari che permettono alla persona che accede al centro di sentirsi accolta, presa in carico in maniera olistica e globale e soprattutto di sentirsi protagonista della ricerca del proprio benessere psico-fisico.  

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *